Giornata mondiale della Posta, l’ufficio di Asmara, Eritrea

Pubblicato da

GIORNATA MONDIALE DELLA POSTA, L’UFFICIO POSTE E TELEGRAFO DI ASMARA

ASMARA, Eritrea, Central Post Office, Ufficio di Poste e Telegrafo

Subito dopo l’unità d’Italia nascono le Regie Poste del Regno (5 maggio 1862), con la legge numero 604. Il loro scopo è assorbire le già esistenti amministrazioni postali preunitarie.

Così in seguito al suo arrivo in Eritrea, colonia italiana dal 1890, il governatore Ferdinando Martini decide che anche nella nuova capitale Asmara, debba esserci un ufficio di Poste e Telegrafo.

Che infatti è tra i primi edifici costruiti per dare “dignità” alla capitale. Ancora oggi l’ufficio Poste e Telegrafo è in Nakfa Avenue, un tempo Piazza Tancredi Saletta. Bella costruzione con molti fregi e decori progettata, come gran parte della città, dall’architetto Odoardo Cavagnari, nel 1916.

Asmara, Post Office, dettaglio fregi azzurri in alto

In questo modo si potevano, grazie all’ufficio postale, inviare e ricevere lettere e cartoline.

La prima cartolina illustrata risale a quegli anni. In un articolo del 1873, apparso sull’Illustrazione Italiana si legge che finalmente le cartoline sono arrivate anche in Italia.

Le cartoline, spiega l’articolo, non sostituiranno le lettere d’affari o d’amore. Perché non si vorrà che il postino legga i fatti nostri, ma saranno un modo più semplice rispetto alla lettera con busta, per avvisare la moglie che siamo arrivati bene, oppure che quanto atteso è giunto. O ancora un mezzo per rispondere, in modo informale, a un invito, oppure mandare gli auguri per il compleanno e l’onomastico.

Il ministro delle Finanze Quintino Sella però non ne era convinto. Pensava che le cartoline fossero antieconomiche, così stabilì un prezzo più alto rispetto a quello degli altri paesi dove già circolavano al costo di 5 centesimi.  

Per spedire una cartolina italiana bisognava invece pagare 10 centesimi, 15 se era prevista anche la risposta.

Comunque, anche con un prezzo alto, la cartolina diventa subito molto popolare. È utilizzata dal crescente numero di persone che sanno leggere e scrivere. Inoltre è diventato facile spedirle perché è raddoppiato il numero di uffici sul territorio nazionale, arrivando a quota quattromila.

La cartolina diventa perciò il modo più semplice e veloce per comunicare. Letteralmente, uno dei più usati mass media dell’età moderna. Oramai dimenticato, viste le statistiche recenti che dicono che solo 1 turista su 20, manda una cartolina…

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*